Deficit di competenze relazionali ed emotive nelle professioni sanitarie

La rivista online I LUOGHI DELLA CURA ha pubblicato il mio articolo “Deficit di competenze relazionali ed emotive
nelle professioni sanitarie”, la pagina dedicata all’articolo è visitabile qui

La medicina, oggi, non presta abbastanza attenzione ai sentimenti dei pazienti e dei loro familiari, che si trovano a
fronteggiare emozioni dolorose come quelle che emergono durante una grave malattia o nell’insorgere di una demenza.
Se lavorare in contesti di sofferenza comporta che il personale sia disponibile a gestire i rapporti con sensibilità ed
attenzione, è necessario considerare le competenze di tipo relazionale tra le capacità tecniche indispensabili per
svolgere le professioni sanitarie.

Se desideri puoi lasciare un commento dopo la lettura dell'articolo, mi farà piacere avere in regalo un tuo pensiero.

13 + 15 =

Leggi qui sotto i commenti all’articolo …

 

Sante Chionchio

Articolo molto bello, grazie Susanna! Mi ha colpito molto là dove parli dell’umanizzazione delle cure. Credo in generale che l’intelligenza emotiva sia una competenza su cui bisogna porre molta più attenzione di quella che attualmente gli viene data. E tu sei davvero...
Leggi ...

Giuseppe Mori

Lavoro estremamente profondo, articolato, assolutamente centrato sull’enorme problema dell’atavica, ma oggi imperdonabile carenza delle facoltà di Medicina: la totale assenza di una solida base di conoscenze psicologiche, di tecnica della comunicazione, della...
Leggi ...

Luigi Tesio

Cara dr.ssa Baldi, ho molto apprezzato il Suo articolo allegato, che trasmetto ai miei collaboratori insieme con queste mie considerazioni. Molti di loro ricordano molto favorevolmente il Suo intervento psicologico davvero prezioso presso la nostra Unità Operativa....
Leggi ...